Umore d’ autunno

C’è aria d’ autunno e, come sempre, il Trentino non delude! Questa terra meravigliosa si trasforma, segue i passi delle stagioni e a ogni appuntamento, è sempre alla moda…

Il clima muta all’ avvento delle prime piogge. Vien voglia di raccogliersi nell’ accoglienza delle calde case. Sbirciando dalla finestra, mentre le cime si preparano all’ inverno indossando “cappotti nevosi”, i panorami tingono i loro costumi. Le valli mutano i colori quasi danzassero a ritmo di valzer, i frutti della terra si elargiscono generosi e gli estri gastronomici si iniziano a sapori più audaci salutando con allegria la soave stagione estiva ormai alle spalle.

I raccolti sono in atto grazie alle mani operose dei coltivatori della terra e degli allevatori della vigna. Tutto è pronto per il lavoro del cuoco…

La voglia di cibi più socculenti aumenta ma con moderazione. E così., finchè il pane lievita,

i fagioli freschi son sgranati, pertanto: cannellini in guazzetto d’ olio crudo del garda, ma…

…la polenta è sul focolare,

il coniglio è in teglia

e il piatto è già servito: coniglio da cortile glassato al vino bianco, polenta e insalatina fresca di cavolo capuccio verde al cumino.

o, in alternativa: spalla di bue in manto di spezie e verdure padellate in gran varietà.

E di dolce?

Canederlo di ricotta di capra in manto di nocciole su composta di prugne.

L’ estate ci saluta,  il Trentino ha lavorato e tutto il territorio è ricco di prodotti alimentari straordinari e buonissimi  e le pentole son calde. L’ autunno ci strizza l’ occhio per farci sedere intorno al calore della cucina… Benvenuto!

 

 

 

 

Scrivi un commento

Il commento sarà pubblicato solo dopo la moderazione.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>